La scuola in ospedale a Torino: finalità e struttura

Descrizione

Le finalità della scuola ospedaliera sono:

• Garantire il diritto allo studio
• Limitare fenomeni di abbandono e dispersione scolastica
• Ovviare a situazioni di emarginazione
• Contribuire al progetto di guarigione del bambino ammalato, favorendo la realizzazione di situazioni di normalità
• Assicurare continuità al processo educativo
• Mantenere il contatto tra lo studente e la scuola di appartenenza

La scuola ospedaliera torinese dispone di un organico così strutturato ed organizzato:

D. D.

"Vittorino da Feltre"

S. M. S.

"Peyron-Fermi"

I. T. C.

"Vera e Libera Arduino"

9 docenti dei quali:

  • 1 per la scuola dell'infanzia
  • 7 per la scuola primaria
  • 1 docente di religione per 10 ore

13 docenti dei quali:

  • 5 a tempo pieno
  • 1 utilizzato per 8 ore settimanali
  • 7 utilizzati per sei ore settimanali
  • 1 docente di scienze matematiche a tempo pieno utilizzato per il potenziamento delle materie scientifiche, delle attività multimediali, il proseguimento delle iniziative di sperimentazione in atto da anni presso l'OIRM, per l'adempimento, in qualità di referente e coordinatore, dei compiti connessi con gli incarichi istituzionali.

10 docenti dei quali:

  • 6 a tempo pieno
  • 4 utilizzati per 9 ore settimanali

Numerosi sono i reparti ospedalieri in cui si svolge il servizio scolastico, con la precedenza per quelli dove vengono curate le patologie maggiormente invalidanti o/e che prevedono protocolli di cura protratti nel tempo.
Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì con orario flessibile che si articola in uno spazio di tempo compreso tra le ore 8,30 e le ore 16,30 con un adeguamento alle esigenze contingenti, in base alle presenze degli alunni nei reparti ed alle terapie in corso. Le attività didattiche si diversificano anche in base alle tipologie dei ricoveri (degenze o day–hospital). Si organizzano attività didattiche individualizzate o per piccoli gruppi, presso il letto degli alunni o nelle aule situate all’interno dei reparti di oncologia e di neuropsichiatria.
Ove possibile, sono organizzate attività di laboratorio interdisciplinari per gli allievi di tutti gli ordini di scuola presenti in collaborazione con enti e musei.
Negli ultimi anni è inoltre organizzato il servizio scolastico domiciliare, realizzato su indicazioni del M.P.I., con fondi erogati alle scuole ospedaliere dal Ministero o reperiti presso gli Enti Locali (Provincia di Torino per la secondaria superiore), o messi a disposizione dalle scuole interessate (fondo di istituto). I docenti ospedalieri sono responsabili del “Monitoraggio” del percorso didattico seguito dagli alunni, garantendo assistenza ai Colleghi delle scuole di appartenenza per quanto concerne la progettazione e/o la revisione in itinere dei progetti formativi personalizzati (abilità e conoscenze da acquisire) per i quali possono essere elargiti fondi regionali.

Importante è il ruolo di “cerniera” tra il momento della terapia e quello della didattica e di collegamento tra ospedale-scuola e famiglia rivestito dai docenti della scuola ospedaliera, così come è delicata la gestione del tempo dedicato alla didattica con quello dedicato alla terapia. L’attività ludica è affidata al Gruppo Gioco del Comune e ad alcune associazioni di volontariato, con le quali i docenti collaborano sulla base di iniziative comuni.

Global News

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by Age Themes