La scuola in ospedale ad Alessandria

La scuola in ospedale nasce ad Alessandria nel 1993, grazie al Prof. D. Besana, Primario del reparto del N.P.I dell'Ospedale Infantile Cesare Arrigo di Alessandria.

 

Alessandria

ORARIO

Lunedì e venerdì dalle ore 8,00 alle ore 12,30. martedì, mercoledì e giovedi dalle ore 12,00 alle ore 16,30.

SPAZIO

Lo spazio-scuola si trova al primo piano dell'Ospedale Infantile Cesare Arrigo.

ORGANIZZAZIONE

Per una migliore organizzazione scolastica l’insegnante reperisce personalmente e quotidianamente i bambini dai loro reparti. All’orario di uscita i bambini tornano nei loro reparti o con il personale infermieristico, o con i genitori degli stessi, o con l’insegnante.

I bambini che frequentano la scuola provengono dai seguenti reparti:

  • Neuropsichiatria Infantile
  • Ortopedia
  • Chirurgia
  • Pediatria
  • Rianimazione
  • Isolamento
  • Medicina Fisica
  • D.H.

INTERVENTO SCOLASTICO

L’intervento scolastico affiancato al processo curativo si attua con modalità diverse e differenziate, tenendo conto dell’età degli alunni e della loro patologia.

Mantenendo i presupposti di unicità nella programmazione individuale di ogni alunno, la scuola in ospedale dà modo al bambino di sentirsi in grado di eseguire i propri compiti scolastici, dà senso di continuità e decanta l’ansia per un rientro scolastico meno carico di tensione per compiti e attività  che non è possibile compiere insieme ai propri compagni. Garantisce inoltre un contatto con i propri compagni e con gli insegnanti.

Il tempo che il bambino trascorre in ospedale non è un tempo “malato”. Possiamo riempirlo di contenuti significativi per il bambino e per il suo percorso formativo stimolando interessi che lo possano distogliere momentaneamente dalla sua realtà oggettiva ed ospedaliera.

Negare un intervento di questo tipo, soprattutto con bambini affetti da gravi patologie, è come determinare chiusura, impossibilità e inutilità anche ad ogni altro tipo di intervento.

Gli obiettivi generali ed educativi, tratti dagli indirizzi generali del progetto HSH possono essere così sintetizzati:

  • Limitare l’isolamento nel lavoro scolastico degli alunni degenti,
  • Motivare e/o recuperare allo studio i bambini che per motivi fisici e psicologici hanno perso l’interesse all’attività scolastica;
  • Offrire, in un contesto privilegiato e protetto, nuove opportunità di alfabetizzazione, decodifica e produzione in relazione ai linguaggi multimediali.

Oltre all'attività curricolare la scuola propone anche attività come:

  • Tromp d’oeil (m2 x 2,5) con l’utilizzo di lenzuola, tempere ed episcopio
  • Il giardino, gli aquiloni, i tornei e le merende. “La scuola ospedaliera in giardino”
  • Teatro dei burattini – Rappresentazioni teatrali di storie inventate dai bambini.
  • “Teatro dal letto”
  • Pittura su stoffa

Sono allestiti:

  • un laboratorio di pittura
  • un angolo di lettura
  • uno spazio gioco
  • laboratorio di informatica
  • cineteca
  • spazio teatro.

Il laboratorio di pittura è stato allestito per molteplici motivi:

  • per il numero elevato dei bambini frequentanti,
  • per le diverse patologie presenti all’interno del mutevole gruppo classe,
  • per i bambini lungodegenti,
  • per i bambini con frequenti frequenze molto brevi.

Il laboratorio permette ad ogni bambino di lasciare una traccia all’interno dell’Ospedale e facilita la formazione di gruppi anche se continuamente mutanti.

Ogni bambino lungodegente ha l’occasione di poter dipingere con l’aiuto dei suoi compagni un telo di discrete dimensioni da poter regalare al proprio reparto.
Questo permette di entrare in confidenza non solo con le tecniche della pittura, ma anche con lo spazio a loro conosciuto.
La porta di ogni reparto è stata diversificata con scritte e disegni; questo per permettere ai bambini di riconoscere il proprio.
All’esterno di alcuni studi e laboratori sono stati appesi disegni che cercano di sdrammatizzare e spiegare gli esami che i bambini si accingono a fare (potenziali evocati, elettroencefalogramma, lastre, ecografie, visite specialistiche).

SPAZI UTILIZZATI

  • aula
  • cineteca
  • sale giochi
  • camere degenza

Presso l'aula vengono svolte attività didattiche strutturate adeguate alle esigenze e capacità dei piccoli utenti.

Presso la cineteca: attività didattiche specifiche, visione di film e cartoni animati, teatro dei burattini, attività programmate con il Ludobus della Ludeteca di Alessandria.

Presso le sale giochi site nei due piani dell’ospedale con l’ausilio di un carrello vengono reperiti giochi e sussidi ai bambini degenti e ai bambini in DH.

Presso le camere di degenza è possibile seguire in rapporto 1/1 bambini lungo e medio degenti allettati con attività di supporto alla didattica scolastica mantenendo i contatti con le scuole di provenienza sia tramite i genitori che via e-mail con le scuole di appartenenza.

PEDIODO DI DEGENZA

Il periodo di degenza è suddiviso in tre blocchi: breve medio lungo

Viene considerata degenza breve un ricovero di circa una settimana, medio un ricovero che varia da una a due settimane. Oltre tale periodo la degenza viene considerata lunga.
Venendo a conoscenza anticipatamente della durata del ricovero  è possibile predeterminare e programmare  il  tipo di intervento scolastico da effettuare.

Ciò permette agli alunni:

  • una permanenza più tranquilla in ospedale sapendo loro di mantenere un contatto    continuo e proficuo con la scuola di provenienza.
  • una continuità con i programmi svolti dalla loro classe.
  • mantenere contatti continui con l’esterno, i compagni e le insegnanti.

Per i bambini lungodegenti certificati, questo tipo di rapporto, soprattutto scolastico è favorito dalla collaborazione dei medici del reparto di neuropsichiatria che presentano all'insegnante il bambino e le sue problematiche,  prima della sua entrata in classe.
Per i bambini lungodegenti frequentanti che presentano problemi psichiatrici ci si accorda con i medici della neuropsichiatria infantile sul tipo di intervento, di partecipazione e di orario di frequenza.
Questo stretto tipo di collaborazione ha permesso un tipo di intervento mirato e proficuo.
I bambini lungodegenti provenienti dal reparto di chirurgia presentano spesso problemi di trasporto e di affaticamento e richiedono a volte di una presenza specifica.
In questo caso spesso i genitori possono supplire a questo tipo di necessità permettendo così ai loro figli una buona frequenza scolastica.
Per i bambini provenienti dal reparto di ortopedia, si tratta spesso di ricoveri brevi ma frequenti.
Questo, anche se breve rapporto con la struttura disturba molto i bambini che hanno trovano fortunatamente in questo tipo di frequenza scolastica un riferimento positivo e sereno.
Si è soliti attivare una stretta collaborazione  fra la scuola ospedaliera e la scuola di provenienza soprattutto per i bambini frequentanti le classi prime cercando di dare  una continuità scolastica il più possibile simile a quella di provenienza, contenuti e spiegazioni con l’intenzione di non creare un divario di preparazione con le classi di appartenenza.

DOCUMENTI SCOLASTICI

Al termine della frequenza scolastica i bambini che frequentano la scuola elementare, ricevono su richiesta, da parte della scuola ospedaliera, un certificato che ne attesti la frequenza.
Tale scuola riconosciuta dalla P.I. permette che i giorni attestati vengano riconosciuti e considerati come presenze effettive anche dalla scuola di provenienza.

ISTRUZIONE DOMICILIARE

A questa area di progettazione appartiene il servizio scolastico domiciliare istituito con C.M. 84/02 del MIUR.

Anche se le Scuola del Circolo non sono al momento interessate alla problematica, al fine di poter garantire il diritto-dovere all’istruzione previsto dalla CM 84/02, qualora insorgessero delle necessità, e sulla base delle indicazioni contenute nella Cir. Reg. 37/04 “Scuole in ospedale ed istruzione domiciliare “ , è stato elaborato il progetto attraverso il quale, secondo le disposizioni della Circ. Reg. 454/2006, poter accantonare nel piano finanziario una somma integrabile dal cofinanziamento dell’Ufficio scolastico Regionale.

 

Indirizzi della scuola in ospedale di Alessandria

Circolo Didattico di riferimento:
IV Circolo di Alessandria
15100 Alessandria – Tel 0131223741

Ospedale di riferimento:
“ Ospedale Infantile Cesare Arrigo”
Alessandria, 15100, AL, Piemonte
Spalto Marengo n°56
Alessandria, 15100, AL, Piemonte
Tel: 0131207209

Referente per la sezione ospedaliera:
Ins. Maria Cavallini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Global News

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by Age Themes