Istruzione Domiciliare

Negli ultimi anni è emersa la necessità di organizzare e potenziare servizi scolastici alternativi, volti a garantire il diritto allo studio agli alunni affetti da gravi patologie; di particolare rilievo è l’iniziativa del servizio scolastico domiciliare.

In accordo al Protocollo di Intesa "Tutela dei diritti alla salute, al gioco, all'istruzione ed al mantenimento delle relazioni affettive ed amicali dei cittadini di minore età malati" (stilato il 27 settembre 2000 tra il Ministero della Pubblica Istruzione, della Sanità e della Solidarietà Sociale) secondo cui le attività didattiche vengono considerate - fermo restante la priorità dell'intervento medico sanitario - come parte integrante del processo curativo al fine di contribuire al mantenimento o al recupero dell'equilibrio psicofisico di alunni malati, il progetto di istruzione domiciliare offre la possibilità di mantenere vive le relazioni con il mondo scolastico e consentendo agli insegnanti di raggiungere gli alunni presso i rispettivi domicili, permette loro pur rimanendo nel proprio ambiente famigliare/abituale di vita, di garantire il diritto allo studio ed evitare l’interruzione del processo di apprendimento.

Il servizio può essere erogato, attraverso la stesura di appositi progetti, nei confronti di alunni iscritti a scuole di ogni ordine e grado, i quali, già ospedalizzati a causa di gravi patologie, siano sottoposti a terapie domiciliari che impediscono la frequenza scolastica per un periodo di tempo non inferiore a 30 giorni. Il servizio in questione può essere erogato anche nel caso in cui il periodo temporale, comunque non inferiore a 30 giorni, non sia continuativo, qualora siano previsti cicli di cura ospedaliera alternati a cicli di cura domiciliare oppure siano previsti ed autorizzati dalla struttura sanitaria eventuali rientri a scuola durante i periodi di cura domiciliare.

La necessaria certificazione dovrà essere rilasciata dal medico curante ospedaliero.

Titolari della gestione del servizio di istruzione domiciliare sono gli Uffici Scolastici Regionali competenti per territorio, ai quali sono assegnate le risorse finanziarie per gli interventi. 

A seguito di apposita motivata richiesta a detti Uffici da parte dell’istituzione scolastica interessata, potranno essere assegnate le risorse necessarie per la realizzazione delle azioni programmate. 

A tal fine, la scuola interessata dovrà elaborare un progetto di offerta formativa nei confronti dell’alunno impedito alla frequenza scolastica, con l’indicazione del numero dei docenti coinvolti e delle ore di lezione previste. 

La richiesta, con allegata certificazione sanitaria, e il progetto elaborato e comprensivo di piano finanziario verranno presentati al competente Ufficio Scolastico Regionale che procederà alla valutazione della documentazione presentata, ai fini dell’approvazione e della successiva assegnazione delle risorse. 

Poiché potrebbero essere più d’una le richieste avanzate e non tutte presentate all’inizio dell’anno scolastico, le Direzioni Generali Regionali procederanno, attraverso un’apposita commissione di valutazione, ad elaborare un elenco di priorità degli interventi, anche in considerazione delle risorse finanziarie disponibili.

 

PORTALE MINISTERIALE DELLA SCUOLA IN OSPEDALE

Modulo informativo sull'Istruzione Domiciliare

PROGETTI DI ISTRUZIONE DOMICILIARE IN PIEMONTE 

CIRCOLARE REGIONALE n.439 del 20 settembre 2012 con MODULISTICA in uso nella regione Piemonte per la presentazione dei progetti di Istruzione Domiciliare

 

Global News

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by Age Themes